Jumpter

Jumpeter Classe 1966. Si avvicina alla “disco”, guarda caso, proprio con la “Febbre del Sabato Sera” all’età di 12 anni. Per via dell’età non frequenta i locali storici nei circondari della sua zona, in riviera, come Baia degli angeli, New York, Much More, Goody Goody…ma ascolta e riascolta tutte quelle cassette che circolavano per mezzo dei ragazzi più grandi che li frequentavano. Comincia a mixare nel 1979 a casa di amici, ascoltando cassette su cassette per cercare, prima di tutto, i dischi che le componevano e cercare nei minimi dettagli di ricreare ogni singolo mixaggio dei vari dj, magari da riproporre nelle varie festicciole che si facevamo tra amici. …da lì a diventare collezionista, è stato un “costosissimo gioco da ragazzi”. Nella vita fa tutt’altro. Ascolta indistintamente tutta la musica. Non ha mai voluto fare il deejay di professione e oggi, con una personale e selezionata collezione di circa 3000 vinili (solo del genere funky disco soul e affini) è stracontento delle sue scelte.